UOMINI E LIBRI

 

Silvia Maria Busetti racconta John Law, l’uomo che introdusse la cartamoneta in Europa

di Maria Stefania Gelsomini

 

Alla corte del Re Sole dominavano lo sfarzo e lo sperpero, ma scomparso Luigi XIV lo Stato era alla bancarotta. Il Duca d’Orléans, spregiudicato Reggente di Francia, dovette escogitare un modo per risanarne le finanze ed evitare il tracollo.

Gli sembrò di averlo trovato quando s’imbattè in un affascinante avventuriero scozzese, fuggito dall’Inghilterra a seguito di una condanna a morte per un’uccisione in duello, che gli propose la folle idea di saldare i pesanti debiti dello Stato introducendo la cartamoneta.

«Qualcuno – scrive Giuseppe Scaraffia nella Prefazione – che vedeva quella nazione in pericolo come un immane tavolo da gioco su cui misurarsi». Quel qualcuno era John Law, noto in tutta Europa come giocatore d’azzardo, esperto di calcolo delle probabilità e appassionato studioso di economia.

Questa agile biografia di Silvia Maria Busetti racconta la sorprendente storia dell’ascesa e della caduta di un uomo disinvolto e temerario, un vero innovatore della finanza (ammirato persino da Schumpeter) che seppe modernizzare e sconvolgere l’economia europea, sul quale però, a causa del fallimento del suo Sistema, troppo innovativo e spericolato per quei tempi, è discesa una damnatio memoriae lunga più di due secoli.

John Law, che era nato ad Edimburgo nel 1671, morì a Venezia nel 1729 usufruendo di una modesta pensione elargita dal Duca d’Orléans e non si arricchì mai. Ciò che davvero gli era sempre interessato non era il denaro, ma promuovere e imporre le sue idee.

Silvia Maria Busetti (Roma 1972), ha studiato sociologia alla Sapienza Università di Roma, e ha scritto per «Affari e Finanza», «Business Insider», «The Boston Globe», «Dallas Morning News».

 

SCHEDA DEL LIBRO

Silvia Maria Busetti, John Law. Vita funambolesca e temeraria di un genio della finanza, collana Altrove, Prefazione di Giuseppe Scaraffia, pagg. XVI-190, euro 16.00, ISBN 978-88-98094-69-1